Panini profumati all’aglio orsino e alla curcuma

Con questa ricetta partecipo al contest di Molino Grassi.

Ingredienti:

300 g Farina Multicereali Molino Grassi
160 g acqua
150 g lievito naturale semiliquido
50 g strutto
10 g sale
1 cucchiaino abbondante di curcuma
una manciata di aglio orsino

Impastare tutti gli ingredienti sino ad ottenere una massa elastica e soffice. Lasciatela riposare per 30 minuti, poi reimpastate brevemente, formate una palla e mettetela in una ciotola leggermente unta di olio.

Fate lievitare l’impasto per tre ore in un ambiente tiepido (io nel forno spento e leggermente riscaldato). Meglio coprire la ciotola con un telo inumidito o con del domopack.

IMG_2330

Dopo tre ore fare un paio di pieghe e ripetere l’operazione dopo un’altra ora.
Lasciare riposare ancora per tre ore.

Ribaltare delicatamente l’impasto lievitato su una spianatoia  non infarinata ma leggerissimamente unta di olio.

IMG_2331

Tagliare delicatamente con la spatola l’impasto ricavandone dei piccoli panini. In questa fase non premere l’impasto, ma trattarlo delicatamente per non far perdere la lievitazione.

IMG_2332

IMG_2333

Stendere i panini in una teglia coperta da carta da forno.

Cuocere subito in forno caldo (180 gradi) per 20-25 minuti (dipende molto dal forno). Estrarre dal forno quando inizia a scurire la superficie.

Durante la cottura si sprigiona per casa un profumo incredibile. L’accoppiata aglio orsino e curcuma è tutta da scoprire.

IMG_2334

IMG_2335

 Questi panini sono eccezionali se farciti con un buon formaggio caprino.

IMG_2338
IMG_2339
Con questa ricetta partecipo al contest di Molino Grassi.
1-impastando_CONTEST_2-1024x883

Pane

20131215-225701.jpg

20131215-225806.jpg

Calamarata con besciamella profumata alla bagna caoda

Questo post racconta una ricetta che partecipa al concorso creato da “Mangiare Matera”.

cropped-mangiare-matera

Ingredienti:

500 grammi di calamarata “vero lucano”
100 grammi di semola di grano duro Senatore cappelli “vero lucano”
50 grammi di olio
500 grammi di latte
10 spicchi di aglio
100 grammi di acciughe sott’olio
50 grammi di olio
parmigiano grattugiato

Per la bagna caoda:

In un pentolino fare appassire a fuoco bassissimo gli spicchi di aglio tagliati fini con 50 grammi di olio.
Aggiungere le acciughe e lasciare sfaldare completamente il tutto. Volendo, dopo 20 minuti si può frullare il tutto e rimettere a cuocere a fuoco bassissimo.

IMG_2122

Per la besciamella:

Un una pentola media fare abbrustolire 100 grammi di farina con 50 grammi di olio. Quando inizia a scurire aggiungere 500 grammi di latte e mescolare continuamente con una frusta. Quando inizia ad addensare spegnere la fiamma.

Per la calamarata:

Mettere a cuocere 500 grammi di calamarata in abbondante acqua salata.
Nel frattempo mescolare la besciamella con la bagna caoda (tenendo da parte qualche cucchiaio di bescamella) e inserire il composto in una sac a poche (o munirsi di un cucchiaino e molta pazienza).

Scolare la pasta. Stendere sui piatti un velo di bescamella, appoggiare i “calamari” sul piatto in verticale e riempire di composto di besciamella e bagna caoda. Spolverare di parmigiano e gratinare per cinque minuti in formo.

IMG_2136

IMG_2134

Cestini di semola di grano duro con pomodorini stufati, stracciatella e olive

Questo post racconta una ricetta che partecipa al concorso creato da “Mangiare Matera”.

cropped-mangiare-matera

Ingredienti:

100 grammi di semola di grano duro Senatore Cappelli “Vero Lucano”
1 cucchiaio di strutto
50 grammi di acqua
2 cucchiai di lievito naturale semiliquido
200 grammi di pomodorini (datterini)
1 spicchio d’aglio
1 cipollotto
150 grammi di stracciatella
20 olive snocciolate sott’olio
sale

Per i cestini:

In una ciotola mettere 100 grammi di farina di grano duro, 50 grammi di acqua, un cucchiaio di strutto, due cucchiai di lievito naturale semiliquido e un pizzico di sale. Impastare a lungo e ottenere un impasto morbido ma ben incordato.
Formare una palla e lasciare lievitare a temperatura ambiente per una notte.

IMG_2113
Reimpastare delicatamente e formare palline da 30 grammi

IMG_2114

Stendere con un mattarello e formare dei dischi spessi circa un millimetro.

IMG_2117

 

Appoggiare come se fossero fazzoletti i dischi ottenuti su ciotoline da forno rovesciate, dopo aver infarinato bene i dischi di pasta con semola rimacinata.

IMG_2115

 

Infornare a 180 gradi per 15 minuti. Dato che i forni sono molto differenti, controllate spesso la cottura e togliete dal forno appena iniziano a colorirsi.

 

 

IMG_2118

IMG_2120

IMG_2119

 

Per i Pomodorini saltati:

Fare appassire in una padella un cipollotto e uno spicchio d’aglio tagliati finissimi.
Aggiungere i pomodorini tagliati a metà, salare e lasciare appassire.

La formatura dei cestini:

In ogni cestino mettere un cucchiaio di pomodorini, un cucchiaio di stracciatella e unire qualche oliva snocciolata.

IMG_2125

 

 

IMG_2130

 

 

Cavatelli ai Lampascioni

Questo post racconta una ricetta che partecipa al concorso creato da “Mangiare Matera”.

cropped-mangiare-matera

Ingredienti:

500 grammi di Cavatelli “Vero Lucano”
500 grammi di lampascioni
1 spicchio d’aglio
4 cucchiaio di olio
1 bicchiere di vino bianco secco
sale

Per la salsa di lampascioni:

Pulire e lavare bene i lampascioni, metterli in una ciotola con abbondante acqua e lasciarli spurgare per 24 ore cambiando l’acqua almeno tre o quattro volte. Questo procedimento elimina l’eccesso di sapore amaro tipico del lampascione.

IMG_2087

Tagliare i lampascioni in quattro spicchi e metterli a rosolare un una padella dai bordi alti con due o tre cucchiai di olio e lo picchio di aglio tritato finissimo.

Salare e fare cuocere a fuoco medio per almeno un’ora, aggiungendo ogni tanto acqua e vino bianco, in modo da mantenere i lampascioni sempre bagnati.

Quando sono teneri e ben cotti, frullarne più della metà e rimetterli a cuocere ancora per qualche minuto con quelli non frullati.

IMG_2092

 

Bollire i cavatelli per 18 minuti, scolarli e condirli con qualche cucchiaio di olio d’oliva (extravergine e buono, ovviamente).

Impiattare i cavatelli, al centro del piatto unire due cucchiai di salsa di lampascioni e spargere parmigiano (o pecorino) grattato.

IMG_2095

 

Se per caso è disponibile qualche cucchiaio di salsa di pomodoro bella densa aggiungerne qualche cucchiaino al piatto.

IMG_2099

 

Se poi avanza qualcosa, beh, sapete cosa fare…


IMG_2102

IMG_2101

 

Grissini di semola rimacinata di grano duro Senatore Cappelli

Questo post racconta una ricetta che partecipa al concorso creato da “Mangiare Matera”.

cropped-mangiare-matera

Ingredienti:

200 grammi di Semola rimacinata di grano duro “Senatore Cappelli”
75 grammi di lievito naturale semiliquido
90 grammi di acqua
1 cucchiaio di strutto
1 cucchiaio di olio
1 cucchiaino di sale

Ho inserito in planetaria la farina, il lievito naturale e l’acqua e iniziato ad impastare. Dopo qualche minuto ho inserito il sale e successivamente lo strutto e l’olio.

Ho lasciato impastare sino a quando ho ottenuto una buona incordatura:

IMG_2089

Ho continuato brevemente ad impastare a mano ed ho messo a riposare l’impasto in una ciotola leggermente unta di olio.

IMG_2091

Ho messo a riposare l’impasto nel forno intiepidito. Ogni ora, per tre volte ho fatto pieghe di tipo due. Al raddoppio (il tempo dipende dal lievito e dalla temperatura) ho delicatamente disteso l’impasto sulla spianatoia.

Ho tagliato con una spatola dei bastoncini spessi un dito, li ho delicatamente allungati e posti su una teglia spolverata di semola.

IMG_2105

IMG_2106

In forno per 18 minuti a 190 gradi. Se li volete più croccanti, abbassate la temperatura del forno a 150 gradi e fateli “biscottare” per cinque minuti.

Questo è il risultato, anzi era il risultato, sono già spariti quasi tutti…

IMG_2108

IMG_2111

Il mio carpione (zucchine e bistecchine di pollo)

Mi hanno chiesto di raccontare come ho fatto questo carpione di zucchine e bistecchine di pollo.

E’ molto difficile raccontare questa ricetta, perchè io e Mariella abbiamo solo messo insieme i ricordi di carpioni delle nostre famiglie e siamo andai rigorosamente ad occhio…

IMG_1788

 

Abbiamo tagliato a rondelle una enorme zucchina e abbiamo fritto le rondelle in olio di semi. Senza infarinarle. Devono diventare belle colorate di bronzo.

Poi abbiamo lasciato delle piccole bistecchine di petto di pollo per mezz’ora in un uovo sbattuto.
Le abbiamo infarinate poi in semola di grano duro e fritte nello stesso olio delle zucchine.
Per l’olio fate voi, noi abbiamo usato olio di semi.

Sia le zucchine che le bistecchine di pollo le abbiamo messe su carta assorbente per asciugarle bene.

Per il carpione: in una padella abbiamo fatto stufare in parecchio olio due cipolle tagliate grossolanamente, poi abbiamo aggiunto più di mezzo litro di aceto bianco, un quarto di litro di acqua, tre o quattro spicchi di aglio tagliati longitudinalmente e una grossa manciata di foglie di salvia (ce ne vuole tanta). Al primo bollore abbiamo spento il gas.

In una grossa ciotola abbiamo messo a strati le bistecchine e le zucchine, condendo ogni strato con cucchiaiate del carpione (la parte solida: cipolle, aglio e salvia).

Al termine abbiamo ricoperto il tutto con il carpione.