Archivi del mese: ottobre 2011

Una grande pizza bianca

200 grammi di farina 0
200 grammi di farina manitoba
1 cucchiaio scarso di strutto
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
15 grammi di sale
320 grammi di acqua
3 cucchiai di lievito naturale (io lo tengo in forma semiliquida)

Mescolare gli ingredienti in una ciotola con un cucchiaio, sino a quando il tutto sia amalgamato e inizia a “stare insieme”. Non insistere troppo e non usare la planetaria. L’impasto rimane molto morbido.
Dopo un’ora mescolare ancora con il cucchiaio cercando di rivoltare l’impasto.
Ogni ora, per due o tre volte, effettuare l’operazione spiegata egregiamente in questo video del grande Bonci.

Nel video dice di effettuare l’operazione ogni dieci minuti, ma voi fate come dico io: ogni ora per due o tre volte (nella ricetta di Bonci usa lievito di birra, il lievito naturale è più lento).
Ungete leggermente una teglia, metteteci l’impasto e molto delicatamente allargatelo il più possibile premendolo leggermente con i polpastrelli, in modo da non rompere le bolle della lievitazione.
Mettete un filo d’olio ben distribuito, una manciata di sale grosso e, se volete la crosta più croccante, spruzzateci sopra mezzo bicchiere d’acqua.
15/20 minuti in forno a 200 gradi (dipende dal forno). Togliete quando è colorita.
Sformate dalla teglia e lasciate raffreddare su una gratella.

Annunci

Un pane per il World Bread Day 2011

Anche quest’anno scrivo una ricetta del mio pane per il World Bread Day 2011, una bella iniziativa ormai al suo sesto anniversario.

Bake Bread for World Bread Day 2011

E allora cominciamo:

Ingredienti:

200 grammi di farina di semola di kamut
200 grammi di farina tipo 2 (in alternativa  buratto o semiintegrale)
200 grammi di farina manitoba
Una manciata di semi vari (io uso lino e girasole)
Un cucchiaio di strutto (oppure un cucchiaio di olio extravergine d’oliva)
15 grammi di sale
4-5 cucchiai di lievito naturale (io lo tengo in forma semiliquida)
400 grammi di acqua

Impastare tutti gli ingredienti possibilmente in una planetaria (è un impasto molto morbido difficile da trattare a mano).
Mettere l’impasto in una ciotola leggermente unta.
Lasciare lievitare per un paio d’ore. Poi stendere l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata e piegarlo un paio di volte su se stesso.
Ripetere l’operazione dopo un altro paio d’ore.
Dopo un’ora spezzare l’impasto in due parti, stendere leggermente e arrotolare serrando leggermente e formando  due pagnotte lunghe.
Lasciare riposare per mezz’ora, poi effettuare alcuni tagli incrociati sulle pagnotte e infornare a 250 gradi. Abbassare la temperatura a 200 gradi e cuocere per 45/50 minuti (dipende dal forno).