Archivi del mese: febbraio 2010

Parmigianau

Mercoledì scorso ho partecipato alla finale di una gara di cucina (questa).

Ho presentato una ricetta particolare:

Parmigianau

Si tratta di una unione tra due ricette che amo molto: la parmigiana di melanzane e su pani frattau, la prima di origine siciliana, la seconda sarda.

Ingredienti (per 4 persone)

Una melanzana lunga, Due dischi i pane carasau, Due uova, Una bottiglietta di passata Mutti (hem, la gara era organizzata dalla Mutti…), Una cipolla piccola, Parmigiano grattugiato, Pecorino (sardo ovviamente) grattugiato.

Fate soffriggere la cipolla tritata in poco olio, quando comincia a colorirsi aggiungete la passata di pomodoro, abbassate la fiamma e lasciate restringere.

Tagliate a fette sottilissima la melanzana e fatele friggere in olio di semi bollente poche alla volta. Toglietele solo quando sono colorite e croccanti ma non bruciate. Mettetele su carta da cucina per rimuovere l’olio in eccesso. Devono essere asciutte.

Passate per un secondo sotto l’acqua i dischi di carasau e lasciateli riposare. Diventano morbidi ed elastici ma non si sfaldano.

Sbattete bene le uova salandole pochissimo.

Preparate quattro ciotoline e riempitele a strati seguendo quest’ordine:

Uno strato di salsa di pomodoro, uno strato di fettine di melanzane, una spolverata di parmigiano, uno strato di carasau, un cucchiaio di uovo sbattuto, una spolverata di pecorino.

Continuate così fino ad esaurire gli ingredienti (almeno tre giri completi).

Mettere le ciotole in forno caldo a 180 gradi per 10 minuti per farle gratinare.

Servire sformando le ciotole su un piatto bianco e guarnire con un paio di fette di melanzana, qualche pezzetto di carasau, gocce di salsa di pomodoro e una spolverata di pecorino.

Gelo di caprese

Ingredienti

  • Una bottiglia di Passata di pomodoro Mutti
  • Un ciuffo di foglie di Basilico
  • Una mozzarella piccola
  • Mezzo cucchiaino di Lecitina di soia
  • Un cucchiaino raso di Agar Agar
  • Sale
  • Olio extravergine d’oliva
  • Preparazione

    Frullare le foglie di basilico con un cucchiaio di olio, un cucchiaio di acqua, un pizzico di sale e il mezzo cucchiaio di lecitina di soia. Passare la crema di basilico al colino, ottenendo un liquido leggermente cremoso.
    Frullare la mozzarella con un goccio di latte.
    Mettere la crema di basilico, quella di mozarella e la passata Mutti in tre contenitori di plastica con beccuccio. Scaldare un pentolino d’acqua e unire un cucchiaino raso di Agar-Agar, lasciare bollire per due minuti, poi lasciare intiepidire per 3 minuti. Unire il liquido ottenuto alle creme nei contenitori, in pari quantità. Scuotere i contenitori per amalgamare.
    Riempire a strati delle piccole ciotole in plastica o ceramica, iniziando dalla passata Mutti, proseguendo con la crema di mozzarella e con il basilico, continuando sino ad esaurire le creme. Tra uno strato ed il successivo porre le ciotole in freezer per un minuto, per far solidificare lo strato appena messo.
    Lasciare le ciotole in frigorifero per un’ora. Sformare delicatamente le ciotole su un piatto, condire con un filo d’olio e un pizzico di sale.

    E’ anche divertente comporre gli ingredienti su un piatto bianco con figure a piacere, per ottenere un risultato colorato e molto appetitoso. Finire con un filo d’olio e qualche grano di sale colorato.

    Banda in piazza castello

    01

    Satiro

    01

    Crackers di farina di farro con semini vari

    Crackers di farro e semi

    Ecco, ho provato a fare i creckers. Tutti mi dicevano che il mio pane aveva una crosta fantastica, quindi ho provato a fare solo la crosta.

    Servono:

    • 200 grammi di farina di farro
    • 100 grammi di acqua
    • un cucchiaino di sale
    • Un cucchiaio di lievito naturale (lo so, non tutti siete fortunati come me, che mi sono fatto un ottimo lievito naturale), in alternativa 5 grammi di lievito di birra.
    • un cucchiaio di olio buono
    • due o tre cucchiai di semi vari (lino, girasole, zucca, sesamo…)

    Si scioglie il lievito nell’acqua e si mescola il tutto con la farina, i semi, il sale e l’olio.

    Si impasta bene il tutto sino ad ottenere una palla morbida ma compatta (non deve attaccarsi più alle mani). Si lascia riposare in una ciotola coperta per un paio d’ore.

    Bisogna adesso accendere il forno a 220 gradi con una ciotolina di acqua sul fondo. Poi si reimpasta delicatamente la pasta, si stende con un mattarello e si ricavano dei rettangoli a piacere che si stendono in una teglia coperta di carta da forno. Ora in forno per 10 minuti a 220 gradi. Controllate  se sono già croccanti e coloriti, altrimenti li lasciate ancora qualche minuto.

    Se volete i crackers più saporiti spargete un po di sale grosso prima di infornare.

    Morali

    Come plurale di morale.

    Bene, Morgan non andrà a Sanremo. Perchè ha detto che si droga. Quindi la morale impedisce che la gente lo veda cantare, perchè è un cattivo esempio per i giovani.

    Qualche giorno fa Mike Tyson è stato ospite di “Ballando con le stelle”. Myke Tyson è stato condannato per stupro e violenze varie. Più di una volta. Evidentemente per un passaggio in TV (peraltro pagato) è più morale stuprare che drogarsi.

    Basta saperlo.

    Pavè di gambi di cipollotto

    I gambi dei cipollotti non li butto: mi servono per preparare salse o questa cosa qui.

    Si fanno soffriggere gambi di cipollotto tritati con una patata a pezzetti e una cipolla piccola.
    Si frulla il tutto unendo due uova, una manciata di pane ammollato e strizzato e un pizzico di sale e pepe.
    Oliare una teglia, spalmare il composto ottenuto, spargere semi di sesamo precedentemente tostati e infornare sino a quando comincia a gratinare.
    Attendere che si intiepidisca e… mangiare!